Adenomiosi dell’utero, cisti a parete dell’utero.

Adenomiosi dell'utero, cisti a parete dell'utero.

Su questa pagina:

Epidemiologia

Adenomiosi colpisce in genere le donne in età riproduttiva. In generale, le donne colpite sono pluripare. e la condizione è visto con più alta frequenza in una donna con una storia di procedure chirurgiche uterine (taglio cesareo per esempio, la dilatazione e raschiamento). Ha una incidenza che varia ampiamente da 5 al 70%, a seconda della definizione istologica usata o la modalità di imaging utilizzate 12.

La presentazione clinica

La maggior parte dei pazienti con adenomiosi sono sintomatici e tipicamente presenti con menorragia e dismenorrea. Essi possono presentarsi con dolore pelvico cronico. Le ghiandole endometriali ectopiche all’interno adenomiosi generalmente non rispondono agli ormoni ovarici ciclici, a differenza di quelli di endometriosi.

Patologia

associazioni

Co-esistente endometriosi nel 20% dei casi 1.

caratteristiche radiografiche

funzioni di imaging sono variabili e in molti casi molto sottile. Tre (alcuni dicono quattro) forme si possono distinguere:

Adenomiosi è di solito relativamente generalizzato, che colpisce grandi porzioni dell’utero (tipicamente la parete posteriore), ma risparmiando la cervice. Nonostante spesso segnato l’allargamento dell’utero, il contorno generale è di solito conservata 5.

In alcuni casi, adenomiosi può essere localizzato, formando una massa. In tali casi il termine adenomioma può essere utilizzato, anche se sembra che vi sia un certo disaccordo sul fatto che i termini adenomiosi focale e adenomioma si riferiscono a esattamente la stessa entità (si veda l’articolo su adenomioma per ulteriori discussioni).

Una variante rara è adenomiosi cistica che si crede di essere il risultato di emorragie focali ripetuti con conseguente spazi cistici pieni di prodotti ematici alterati 5.

ecografia pelvica

L’ecografia è di solito la prima e spesso l’unica modalità di imaging impiegata per indagare menorragia e dismenorrea. Purtroppo, le caratteristiche ecografiche di adenomiosi sono variabili e possono essere assenti. La sensibilità e la specificità riportato di ecografia trans-addominale sono 32-63% e 95-97%, rispettivamente, 7.

Lo spettro dei risultati comprende:

  • normale utero apparendo
  • focali o diffuse voluminosità miometriale, tipicamente della parete posteriore 5
  • ispessimento della zona di transizione volte può essere visualizzato come un alone ipoecogeno circonda lo strato endometriale di spessore ≥12 mm
  • subendometrial striature lineari ecogene
  • noduli ecogene subendometrial (segno specifico)
  • piccole cisti miometriale / sub cisti endometriali (segno specifico)
  • ecogenicità eterogenea (eterogeneo ecostruttura miometriale) 1-2
  • iperecogeni: isole di ghiandole endometriali
  • ipoecogeno: associato ipertrofia muscolare
  • un "veneziana" aspetto può essere visto a causa di striature subendometrial ecogene lineari e ombra acustica in cui i tessuti dell’endometrio causare una reazione iperplastica

Quando un adenomioma è presente, le apparenze possono strettamente imitano quelli di un fibroma uterino. che possono anche coesistere.

Hysterosalpingogram (HSG)

Può mostrare diverticoli si estende nel miometrio 3.

CT

CT non è in grado di diagnosticare adenomiosi, ma può suggerire la sua presenza quando l’allargamento dell’utero è presente. Distinguere tra adenomiosi e fibromi uterini alla TC è difficile, se non impossibile, anche se la presenza di calcificazioni favorisce fortemente questi ultimi 5.

pelvico MRI

RM è la modalità di scelta per la diagnosi e caratterizzare adenomiosi, e T2 pesate (sagittali ed assiali) sono più utili. La RM ha una sensibilità del 78-88% e una specificità del 67-93% 7.

La caratteristica più facilmente riconoscibile è l’ispessimento della zona giunzionale dell’utero a più di 12 mm, sia diffusa o focally (zona giunzionale normale misura fino a

  • T2
  • tipicamente una regione di adenomiosi appare come una regione ben definita ovoidale / diffuso di ispessimento, spesso con piccole regioni di segnale ad alta T2 che rappresentano le piccole regioni di cambiamento cistica
  • la regione può anche avere un aspetto striato 5
  • T1
    • foci di segnale ad alta T1 si vedono spesso, indicando mestruale emorragie nei tessuti endometriali ectopiche 7
    • T1 C + (Gd)
      • contrasto valutazione recentemente MR non è generalmente indicato per la valutazione di adenomiosi, tuttavia, se eseguita, mostra enhancement delle ghiandole endometriali ectopiche
      • Il trattamento e la prognosi

        Il trattamento dipende dalla gravità dei sintomi e la necessità di preservare la fertilità. In alcuni casi, la soppressione della normale proliferazione ciclica ormone-indotta di tessuto endometriale (ad esempio GnRH agonista) è sufficiente.

        Nelle donne con sintomi gravi non sostituito medico, e in cui la fertilità non è più desiderabile è, un intervento di isterectomia può essere eseguita.

        Diagnosi differenziale

        Il differenziale dipende dalla distribuzione macroscopica di tessuto endometriale.

        Per la malattia diffusa in considerazione:

        Per la malattia focale (adenomioma) prendere in considerazione:

        Sia focale o diffusa, un altro potenziale differenziale è il trattamento del cancro al seno con Tamoxifene che può portare a iperplasia endometriale mal definito e polipi endometriali che possono mimare adenomiosi 4 (vedi: modifiche dell’endometrio Tamoxifene associato).

        Articoli Correlati

        • 1. Chudleigh P, Thilaganathan B, Chudleigh T. ecografia ostetrica, come, perché e quando. Churchill Livingstone. (2004) ISBN: 0.443.054,711 mila. Leggetelo su Google Libri – Trova su Amazon
      • 2. Atri M, Reinhold C, Mehio AR et-al. Adenomiosi: EUR caratteristiche con correlazione istologica in uno studio in vitro. Radiologia. 2000; 215 (3): 783-90. Radiologia (testo completo) – citazione Pubmed
      • 3. Verma SK, Lev-Toaff AS, Baltarowich OH-et al. Adenomiosi: sonoisterografia con la correlazione risonanza magnetica. AJR Am J Roentgenol. 2009; 192 (4): 1112-6. doi: 10,2214 / AJR.08.1405 – citazione Pubmed
      • 4. Hulse P, Carrington BM. manuale di risonanza magnetica di cancro pelvico. Informa Healthcare. (2004) ISBN: 1.859.960,693 mila. Leggetelo su Google Libri – Trova su Amazon
      • 5. Hamm B, Forstner R, Beinder E. risonanza magnetica e TC della pelvi femminile. Springer Verlag. (2007) ISBN: 3.540.222,898 mila. Leggetelo su Google Libri – Trova su Amazon
      • 6. Togashi K, K Nishimura, Itoh K et-al. Adenomiosi: diagnosi con la RM. Radiologia. 1988; 166 (1): 111-4. Radiologia (abstract) – citazione Pubmed
      • 7. Tamai K, Togashi K, Ito T-et al. risultati di risonanza magnetica di adenomiosi: correlazione con le caratteristiche istopatologiche e le insidie ​​diagnostiche. RadioGraphics. 25 (1): 21-40. doi: 10,1148 / rg.251045060 – citazione Pubmed
      • 8. Reinhold C, Tafazoli F, Mehio A et-al. Uterina adenomiosi: endovaginale Stati Uniti e la RM presenta con la correlazione istopatologica. RadioGraphics. 1999; 19 Spec n S147-60. – Citazione Pubmed
      • 9. novelle S, M, Chassang Delotte J et-al. caratteristiche di risonanza magnetica della zona giunzionale uterina: dalla normale alla diagnosi di adenomiosi. AJR Am J Roentgenol. 2011; 196 (5): 1206-1213. doi: 10,2214 / AJR.10.4877 – citazione Pubmed
      • 10. Hulka CA, Sala DA, Mccarthy K et-al. Segni ecografici nei pazienti con adenomiosi: può ecografia aiutare nel predire l’estensione della malattia? AJR Am J Roentgenol. 2002; 179 (2): 379-83. AJR Am J Roentgenol (testo completo) – citazione Pubmed
      • 11. Sakhel K, Abuhamad A. ecografia di adenomiosi. J Med ultrasuoni. 2012; 31 (5): 805-8. J Med ultrasuoni (testo completo) – citazione Pubmed
      • 12. Taran FA, Stewart EA, Brucker S. adenomiosi: epidemiologia, fattori di rischio, fenotipo clinico e chirurgica e interventistica Alternative a isterectomia. Geburtshilfe Frauenheilkd. 2013; 73 (09): 924-931. doi: 10.1055 / s-0033-1350840 – Testo libero a PubMed – citazione Pubmed
      • Related posts

        Related posts