cause pielonefrite bilaterali

cause pielonefrite bilaterali

Acuto pielonefrite in gravidanza: A Retrospective Ospedale descrittiva Based-studio

1 Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, Università delle Indie Occidentali, Mona, Kingston 7, Giamaica
Unità 2 Tropical Research Metabolismo, Università delle Indie Occidentali, Mona, Kingston 7, Giamaica
3 Ufficio di Presidenza, Facoltà di Scienze Mediche, Università delle Indie Occidentali, Mona, Kingston 7, Giamaica

Editori Accademici: R. Kimmig e P. G. Larsson

Astratto

anni con 51 primiparity. La maggior parte (58,8) si è verificato nel secondo trimestre. I sintomi principali sono stati: dolore lombo (96,2) e dolore addominale (84,6). Era più comune sul lato destro in 67 casi. Su analisi delle urine, 81,4 avevano piuria. L’organismo più comune era Escherichia coli. in 61 casi. Pazienti trattati con antibiotici prima del ricovero avevano più rapida risoluzione,

L’emoglobina S è stato trovato in 16 casi (10 popolazione generale;

1. Introduzione

In pielonefrite, infezione di solito ascende dalla vescica, dovuta al reflusso vesicoureteral nella gravidanza [8]. Altri fattori di rischio includono precedenti episodi di pielonefrite, anomalie o pietre del tratto urinario, e altre condizioni come il diabete mellito, anemia falciforme, e l’AIDS.

Diversi studi hanno dimostrato materna e fetale morbilità [1. 11] associato con pielonefrite. La febbre nel primo trimestre durante l’organogenesi è stato associato a teratogenicità, aborto spontaneo e parto prematuro. L’aumento dell’attività uterina si verifica a causa della presenza di endotossina [12] e anche a causa della febbre [11]. La presenza di endotossine è anche detto di causare anemia emolitica in un terzo di questi pazienti [13].

2. Materiali e metodi

3. Analisi statistica

4. Risultati

Un totale di 282 pazienti è stato codificato come pielonefrite. Abbiamo recuperato 184 dockets (65,2). Di questi, pielonefrite acuta è stata confermata in 102 (55.4). Durante il periodo di tempo ci sono stati un totale di 14651 consegne, dando una incidenza di 0,71 delle consegne.

L’età media alla diagnosi materna era anni (

Tabella 1: I dati demografici e le conclusioni generali.

Tutti i pazienti sono stati ricoverati per il trattamento e ha ricevuto liquidi per via endovenosa e antibiotici al momento del ricovero. Le lamentele più comuni in materia di ammissione sono stati dolore lombo (96,2), dolore addominale (84,6), disuria (70,2), febbre (64,4), e brividi e rigori (51,9). Venti tre per cento dei pazienti ha una storia di uso di antibiotici nella settimana prima del ricovero. Febbre definita come 38C temperatura al momento del ricovero era meno comune nei pazienti che hanno dato una storia di uso di antibiotici nella settimana prima del ricovero (

Su analisi delle urine, 81,4 dei casi aveva piuria, 29,4 erano nitriti positivo, e il 38,2 aveva ematuria microscopica.

Tavolo 2: Febbre e lo stato precedente uso di antibiotici.

Stato falciforme era disponibile per 73 pazienti. Di questi, 57 (78,1) sono risultati negativi, 11 (15,1) aveva il tratto, e 5 (6,8) aveva anemia falciforme.

La proporzione osservata 16 era significativamente maggiore rispetto alla percentuale generale della popolazione di 10 (test binomiale due code;) I pazienti che erano negativi falce trascorso una media di giorni rispetto ai pazienti con anemia falciforme che sono stati ammessi per

giorni. Ciò non è stato statisticamente significativa (Tabella 3).

I dati sullo stato di diabete è stato registrato in 79 donne. Di questi solo 1 persona (1.3) ha avuto il diabete gestazionale.

Settanta pazienti (68,6) avevano ecografia ostetrica al momento del ricovero, e tutti questi erano normali. Venti pazienti avevano ecografia dell’apparato urinario fatto durante il ricovero, 6 di questi erano normali, 10 (50) ha rivelato idronefrosi, e 4 (20) ha rivelato pietre ureterali.

Settanta pazienti (68,6) avevano urinocoltura ripetere fatto dopo il completamento del corso di antibiotici. Di questi, 43 campioni (61,3) sono stati positivi e 25 pazienti (24.0) sono stati riammessi per pielonefrite ricorrente.

Dei 68 casi che sono stati consegnati a UHWI, 22 (32) avevano minacciato parto pretermine, 4 (3,9) ha avuto parto pretermine, 6 (8.8) ha avuto rottura prematura delle membrane. Quattro neonati (5,9) sono stati trovati ad avere intrauterina restrizione della crescita di ultrasuoni.

5. Discussione

La maggior parte dei pazienti ha dimostrato pyuria su urine dipstick, ma meno di un terzo dimostrato positivo per leucociti esterasi nitriti, che si dice essere un efficace test di screening costo utile quando la prevalenza della pielonefrite è 2 o meno come nel caso qui [26] . Studi precedenti avevano dimostrato valori più alti, ma ha concluso una bassa sensibilità per questo test [27].

La maggior parte dei pazienti è diventato sintomatico nel secondo trimestre. Questo è coerente con il periodo di picco di stasi urinaria e cambiamenti immunologici massimi sul tratto urinario sotto l’influenza ormonale [6. 28]. Inoltre, pielonefrite acuta era più comune sul lato destro, anche in linea con i cambiamenti fisiologici più marcate su quel lato [6. 29].

Studi precedenti hanno dimostrato un’incidenza di pielonefrite acuta in pazienti in stato di gravidanza tratto falciforme che era significativamente più alta rispetto a quella nei pazienti di controllo abbinati [21]. La nostra popolazione ha una prevalenza di circa il 10 del tratto falciforme, e il 15 di quelli testati aveva tratto falce e 6.8 avevano anemia falciforme.

Il diabete mellito ha dimostrato di essere un fattore di rischio per pielonefrite acuta [18. 19]. C’era solo un paziente nello studio con diabete mellito pre-gestazionale era significativamente inferiore rispetto al 15 trovato nella popolazione, come le donne incinte erano giovani donne. In realtà il diabete gestazionale è stato trovato in soli 1,5 tali donne [32]. L’assenza del virus HIV nella coorte è più facile da spiegare perché questo non è molto comune in questa clinica incidenza di circa 0,5 [33].

Idealmente, ripetere la cultura delle urine dopo il trattamento è importante per identificare i pazienti a rischio di recidiva [2]. In altri paesi, è stato riportato il rischio di recidiva che si verifichi in un terzo dei casi [34]. Questo studio ha dimostrato un tasso di recidiva leggermente inferiore di 24. L’alta incidenza di infezione persistente (61) richiede un attento controllo di queste donne ed anche in alcuni casi antisettici urinari per il resto della gravidanza come è stato fatto in 6 delle donne.

6. Sintesi

pielonefrite acuta è associata con il gene falciforme e si traduce in parto pretermine. batteriuria persistente è molto alto, ma gravi complicanze materne sono bassi in questa coorte.

Conflitto d’interessi

Tutti gli autori dichiarano assenza di conflitto di interessi nella scrittura di questo articolo.

Riferimenti

  1. L. C. Gilstrap e S. M. Ramin, “infezioni del tratto urinario durante la gravidanza,” Ostetricia e ginecologia Clinics of North America. vol. 28, no. 3, pp. 581-591, 2001. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  2. N. Pazos Otero, L. Fuentes Ricoy, B. Ferrndez Prez, C. Martinez Vzquez, M. Martinez Poch, e J. L. Osuna Daz “, pielonefrite e la gravidanza. La nostra esperienza in un ospedale generale, ” Anales de Medicina Interna. vol. 24, no. 12, pp. 585-587, 2007. Vedi in Google Scholar · Vista a Scopus
  3. R. B. Aspetta, “infezione del tratto urinario durante la gravidanza. batteriuria asintomatica, cistite acuta, e pielonefrite acuta ” Postgraduate Medicine. vol. 75, no. 8, pp. 153-157, 1984. Vista a Google Scholar
  4. T. F. Patterson e V. T. Andriole, “Detection, un significato, e la terapia di batteriuria in gravidanza. Aggiornare nell’era di assistenza sanitaria gestito, ” Malattie Infettive Cliniche del Nord America. vol. 11, no. 3, pp. 593-608, 1997. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  5. T. F. Patterson e V. T. Andriole, “batteriuria in gravidanza,” Malattie Infettive Cliniche del Nord America. vol. 1, n. 4, pp. 807-822, 1987. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  6. J. B. Hill, J. S. Sheffield, D. D. McIntire, e G. D. Wendel, “pielonefrite acuta in gravidanza,” ostetricia e Ginecologia. vol. 105, n. 1, pp. 18-23, 2005. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  7. A. Faundes, M. Bricola-Filho, e J. L. C. P. E Silva, “dilatazione del tratto urinario durante la gravidanza: la proposta di una curva di massimo diametro caliceale per età gestazionale,” American Journal of Ostetricia e Ginecologia. vol. 178, n. 5, pp. 1082-1086, 1998. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  8. F. Cunningham, K. Leveno, S. Bloom, J. Hauth, L. Gilstrap, e K. Wenstrom, “Patologie renali e urinarie,” in Williams ostetrica. Capitolo 48, pp. 1093-1110, McGraw-Hill, New York, NY, Stati Uniti d’America, 22 ° edizione, 2005. Vista a Google Scholar
  9. T. M. Hooton, D. Scholes, A. E. Stapleton et al. “Uno studio prospettico di batteriuria asintomatica in giovani donne sessualmente attive,” Il New England Journal of Medicine. vol. 343, n. 14, pp. 992-997, 2000. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  10. F. Smaill, “Antibiotici per batteriuria asintomatica in gravidanza” Cochrane Database of Systematic Reviews. no. 2, ID articolo CD000490, 2001. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  11. L. K. Millar, L. DeBuque, e D. A. Ala, “la frequenza delle contrazioni uterine durante il trattamento della pielonefrite durante la gravidanza e il successivo rischio di parto pretermine,” Journal of Perinatal Medicine. vol. 31, no. 1, pp. 41-46, 2003. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  12. J. M. Graham, B. T. Oshiro, J. D. Blanco, e K. P. Magee, “contrazioni uterine dopo la terapia antibiotica per la pielonefrite durante la gravidanza,” American Journal of Ostetricia e Ginecologia. vol. 168, n. 2, pp. 577-580, 1993. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  13. S. M. Cox, P. Shelburne, R. Mason, S. Guss, e F. G. Cunningham, “Meccanismi di emolisi e anemia associata a pielonefrite acuta pre-parto,” American Journal of Ostetricia e Ginecologia. vol. 164, n. 2, pp. 587-590, 1991. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  14. American College of Ostetrici e Ginecologi, “terapia antimicrobica per i pazienti ostetriche,” ACOG Bollettino Formazione 245, Washington, DC, Stati Uniti d’America, 1998. Vista a Google Scholar
  15. D. J. Shea, “pielonefrite e infezione del tratto urinario femminile,” Emergency Medicine Clinics of North America. vol. 6, n. 3, pp. 403-417, 1988. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  16. R. Wilks, C. Rotimi, F. Bennett et al. “Il diabete nei Caraibi: risultati di un’indagine di popolazione da Spanish Town, Giamaica,” Medicina diabetica. vol. 16, no. 10, pp. 875-883, 1999. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  17. N. A. Hanchard, I. Hambleton, R. M. Harding, e C. A. McKenzie, “La frequenza dell’allele falce in Giamaica non è diminuito nel corso degli ultimi 22 anni,” British Journal of Haematology. vol. 130, n. 6, pp. 939-942, 2005. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  18. S. E. Geerlings, “infezioni del tratto urinario nei pazienti con diabete mellito: epidemiologia, patogenesi e trattamento” International Journal of Antimicrobial Agents. vol. 31, supplemento 1, pp. 54-57, 2008. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  19. S. Dalal, L. Nicolle, C. F. Marrs, L. Zhang, G. Harding, e B. Foxman, “a lungo termine Escherichia coli batteriuria asintomatica tra le donne con diabete mellito, ” Clinica Malattie infettive. vol. 49, no. 4, pp. 491-497, 2009. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  20. E. Sheiner, E. Mazor-Drey, e A. Levy, “batteriuria asintomatica durante la gravidanza,” Journal of materno-fetali e neonatali Medicina. vol. 22, no. 5, pp. 423-427, 2009. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  21. A. R. Thurman, L. L. Steed, T. Hulsey, e D. E. Soper, “batteriuria in donne in gravidanza con tratto falciforme,” American Journal of Ostetricia e Ginecologia. vol. 194, n. 5, pp. 1366-1370, 2006. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  22. I. C. Baill e F. R. Witter, “trait Falce e la sua associazione con infezioni del peso alla nascita e del tratto urinario durante la gravidanza,” International Journal di Ginecologia e Ostetricia. vol. 33, no. 1, pp. 19-21, 1990. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  23. M. S. Villers, M. G. Jamison, L. M. De Castro, e A. H. James, “morbilità associata anemia falciforme in gravidanza,” American Journal of Ostetricia e Ginecologia. vol. 199, n. 2, pp. 1-5, 2008. Vedi in Google Scholar
  24. P. Sharma e L. Thapa, “acuto pielonefrite durante la gravidanza: uno studio retrospettivo,” Australia e Nuova Zelanda Journal di Ostetricia e Ginecologia. vol. 47, no. 4, pp. 313-315, 2007. Vedi in Publisher · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  25. L. C. Gilstrap, F. G. Cunningham, e P. J. Whalley, “acuto pielonefrite durante la gravidanza: uno studio anterospective,” ostetricia e Ginecologia. vol. 57, no. 4, pp. 409-413, 1981. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  26. D. J. Rouse, W. W. Andrews, R. L. Goldenberg, e J. Owen, “Screening e trattamento della batteriuria asintomatica della gravidanza per prevenire la pielonefrite: un rapporto costo-efficacia e costi-benefici,” ostetricia e Ginecologia. vol. 86, no. 1, pp. 119-123, 1995. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  27. H. Semeniuk e D. Chiesa, “Valutazione dei test di screening di livello esterasi leucocitaria e nitriti nelle urine per il rilevamento della batteriuria in donne con infezioni del tratto urinario non complicate sospetti,” Journal of Clinical Microbiology. vol. 37, no. 9, pp. 3051-3052, 1999. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  28. F. G. Cunningham, G. B. Morris, e A. Mickal, “pielonefrite acuta della gravidanza: una revisione clinica,” ostetricia e Ginecologia. vol. 42, no. 1, pp. 112-117, 1973. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  29. W. Fischer e A. Schwenke, “Nephrosonographyfindings registrati da pielonefrite acuta in gravidanza” Zentralblatt für Gynäkologie. vol. 113, n. 3, pp. 127-132, 1991. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  30. Y. D. Fan, J. G. Pastorek, J. M. Miller, e J. Mulvey, “pielonefrite acuta in gravidanza,” American Journal of Perinatology. vol. 4, n. 4, pp. 324-326, 1987. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  31. M. A. Behr, R. Drummond, M. D. Libman, J. S. Delaney, e J. S. Dylewski, “durata febbre nei pazienti pielonefrite acuta ricoverati in ospedale,” American Journal of Medicine. vol. 101, n. 3, pp. 277-280, 1996. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  32. R. R. Irving, J. L. Mills, E. G. Choo-Kang et al. “L’onere di diabete mellito gestazionale nelle donne giamaicane con una storia familiare di diabete di tipo 2 autosomica dominante,” Revista Panamericana de Salud Publica. vol. 23, no. 2, pp. 85-91, 2008. Vedi in Google Scholar · Vista a Scopus
  33. D. Perry, M. Reid, M. Thame et al. “Infezione da HIV sieroprevalenza e lo studio dei fattori di rischio tra le donne incinte che frequentano la clinica prenatale presso l’Ospedale Universitario delle Indie Occidentali, Kingston, Giamaica,” West Indian Medical Journal. vol. 51, no. 2, pp. 80-83, 2002. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  34. L. C. Gilstrap e S. M. Ramin, “infezioni del tratto urinario durante la gravidanza,” Ostetricia e ginecologia Clinics of North America. vol. 28, no. 3, pp. 581-591, 2001. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  35. E. L. Butler, S. M. Cox, E. G. Eberts, e F. G. Cunningham, “nefrolitiasi sintomatico complicare la gravidanza,” ostetricia e Ginecologia. vol. 96, no. 5, parte 1, pp. 753-756, 2000. Vista a Editore · Vista a Google Scholar · Vista a Scopus
  36. D. E. Lewis, A. G. Robichaux, R. K. Jaekle, N. G. Marcum, e C. M. Stedman, “Urolitiasi in gravidanza: diagnosi, gestione ed esito della gravidanza,” Journal of Reproductive Medicine per l’ostetrico e ginecologo. vol. 48, no. 1, pp. 28-32, 2003. Vista a Google Scholar · Vista a Scopus

Related posts

Related posts