formazione di biofilm su tubi tracheostomia, cannula tracheostomica argento.

formazione di biofilm su tubi tracheostomia, cannula tracheostomica argento.

Un aspetto della formazione del biofilm che è ancora oggetto di discussione è se il materiale specifico utilizzato per fabbricare un tubo ha alcuna incidenza nell’incidenza di infezione. Abbiamo condotto un test di quattro diversi materiali per tubi – cloruro di polivinile, silicone, acciaio inossidabile, e argento – per accertare come biofilm batterico si formano sulla cannula tracheostomica e per determinare se vi è una differenza materiale-dipendente in formazione di biofilm. microscopia elettronica a scansione hanno dimostrato che Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus epidermidis entrambi formano biofilm batterici su cannula tracheostomica in vitro. Abbiamo anche trovato che non vi era alcuna differenza nella suscettibilità alla formazione di biofilm tra i quattro materiali per tubi testati.

La pratica di protesi chirurgicamente immissione ed altri dispositivi è molto diffuso e utile, anche se questi prodotti sono suscettibili di ospitare l’infezione batterica. Infezioni croniche che sono resistenti alla terapia antibiotica definitiva possono richiedere la rimozione e la sostituzione di un apparecchio o impianto, compresi i tubi tracheostomia, che sono associati con infezioni respiratorie nosocomiali.

L’obiettivo di questo studio era di determinare se biofilm batterici si formano sui tubi tracheostomia in vitro e per accertare se vi è una differenza materiale-dipendente in formazione di biofilm batterico.

Materiali e metodi

Quattro tipi di cannula tracheostomica sterili sono stati utilizzati in questo studio: cloruro di polivinile (Mallinckrodt, St. Louis), silicone (BivonaMedical Technologies, Gary, Ind.), In acciaio inossidabile (Pilling Weck, Markham, Ontario.), Argento (Pilling Weck ). Un pezzo da 1 cm è stata presa nella stessa posizione (2 cm dalla punta) da ciascuna provetta perché la dimensione e la forma di un intero tubo realizzati sua completa immersione in provette di coltura impossibili.

Per controlli negativi, campioni di ciascun cannula tracheostomica sono stati collocati in soluzione TSB senza batteri. Il braccio sperimentale era costituito da campioni di ciascuna cannula tracheostomica in soluzioni separate di P. aeruginosa alone e S. epidermidis solo. Tutti i tubi di coltura sono stati mantenuti a 37 [i gradi] C per 6 giorni per promuovere la formazione di biofilm.

I campioni sono stati rimossi e risciacquati per 10 volte con 35 ml di acqua sterile per rimuovere batteri liberi e detriti che non sono stati attaccati ai campioni. Per assicurare la presenza di batteri vitali in provette di coltura sperimentali e garantire che nessuna contaminazione batterica era presente nei tubi di controllo TSB, un’ansa sterile è stato immerso in provette di controllo TSB e nei batteri contenenti tubi sperimentali e striato over pecore-blood agar. Nessuna crescita è stato visto dai controlli negativi, mentre le culture campione sperimentale contenevano numerose colonie batteriche entro 48 ore.

In preparazione per la microscopia elettronica a scansione (SEM), ciascun campione è stato fissato in una soluzione di formaldeide e glutaraldeide. I campioni sono stati lavati in soluzione salina phosphatebuffered, e poi un secondo fissativo, thiocarbohydrazide e tetrossido di osmio, è stato applicato per preservare lipidi e grandi molecole. I campioni sono stati rivestiti in argento ed asciugate per completare la preparazione per SEM. Un microscopio elettronico a scansione (modello S450, Hitachi, Tokyo) è stato utilizzato per analizzare ciascun campione sia del controllo e tubi batteri esposti per la presenza di formazione del biofilm batterico.

Tutti i tubi di controllo non ha fornito evidenza di formazione di biofilm in materia di ispezione e di esame lordo SEM. Tutti i tubi esposti a P. aeruginosa e S. epidermidis sono stati rivestiti con un marrone, viscido, pellicola traslucida all’esame lordo, e tutti avevano una copertura biofilm quasi identici su SEM (figura). I biofilm P. aeruginosa apparivano fogli come confluenti di cellule in una matrice extracellulare densa. I S. epidermidis biofilm apparivano come cumuli di cellule strettamente aderenti all’interno di una matrice relativamente meno-extracellulare.

S. epidermidis forma biofilm in maniera simile – uno in cui interazioni cellula-superficie giocano un ruolo fondamentale. Polisaccaride capsulare / adhesin e autolysin superficie cellulare-localizzata (Atle) sono due delle proteine ​​chiave che consentono il fissaggio della superficie di S. epidermidis. (5,6) polisaccaride / adesina è anche un componente importante di una matrice polisaccaride che induce la fase di accumulazione del biofilm S. epidermidis, che comporta un aumento dello scambio cellula-cellula delle informazioni genetiche e un up-regulation della resistenza agli antibiotici . Oltre alla cooperazione cellulare che è possibile in una matrice polisaccaridica, un’altra caratteristica interessante di biofilm è loro architettura sorprendentemente complesso. sezionamento ottico ha dimostrato la presenza di canali d’acqua in biofilm nonché una significativa eterogeneità strutturale. (7)

Il nostro studio ha trovato che P. aeruginosa e S. epidermidis entrambi formano biofilm batterici su sezioni del tubo tracheostomia in vitro. Tra i quattro diversi materiali testati-cloruro di polivinile, silicone, acciaio inossidabile, e argento – nessuna differenza è stata osservata nella suscettibilità alla formazione di biofilm. Sebbene nessuna differenza è stata osservata tra questi materiali, la selezione del materiale cannula tracheostomica storicamente non è focalizzata sulla resistenza all’infezione. Materiali diversi sono stati scelti per i loro rispettivi meriti per quanto riguarda la flessibilità, la facilità d’uso, e la reazione cutanea.

(1.) Stratton CW. Argomenti in microbiologia clinica: tracheotomia e tubo endotracheale esemplari. Infettare controllo 1981; 2: 162-4.

(2.) Biedlingmaier JF, Samaranayake R, Whelan P. Resistenza alla formazione di biofilm su materiali da impianto otologici. Otolaryngol testa collo Surg 1998; L18: 444-51.

(5.) McKenney D, Hubner J, Muller E, et al. Il locus ica di Staphylococcus epidermidis codifica la produzione della capsula polysaceharide / adhesin. Infect Immun 1998; 66: 4711-20.

(6) Heilmann C, Hussain M, Peters G, Gotz F. Prove per attaccamento primario autolysin-mediata di Staphylococcus epidermidis a una superficie di polistirolo. Mol Microbiol 1997; 24: 1013-1024.

(7.) Lawrence JR, Korber DR, Hoyle BD, et al. sezionamento ottico di biofilm microbici, J Bacteriol 1991; 173: 6558-67.

(8.) Cordero L, M Sananes, Dedhiya P. Ayers LW. Purulence e bacilli gram-negativi in ​​aspirati tracheali di neonati di peso molto basso alla nascita ventilati meccanicamente. J Perinatol 2001; 21: 376-81.

(9.) Tejada Artigas A, Bello Dronda S, Chacon Valles E, et al. I fattori di rischio per la polmonite nosocomiale in pazienti traumatizzati in condizioni critiche. Crit Care Med 2001; 29: 304-9.

(10) Inglis TJ, Lim TM, Ng ML, et al. caratteristiche strutturali del tubo tracheale biofilm formano durante la ventilazione meccanica prolungata. Petto 1995; 108: 1049-1052.

(12) Curtis JJ, Clark NC, McKenney CA, et al. Tracheostomia: un fattore di rischio per mediastinite dopo l’intervento cardiaco. Ann Thorac Surg 2001; 72: 731-4.

(14.) Teoh N, Parr MJ, Finfer SR. Batteriemia seguente tracheostomia percutanea dilatativa. Anaesth Intensive Care 1997; 25: 354-7.

(15) Berry JA, Biedlingmaier JF, Whelan PJ. Resistenza in vitro per la formazione di biofilm batterico sui tubi timpanostomia fluoroplastici rivestiti. Otolaryngol testa collo Surg 2000; 123: 246-51.

(16) Hendricks SK, Kwok C, Shen M, et al. membrane depositato al plasma per il rilascio controllato di antibiotici per prevenire l’adesione batterica e la formazione di biofilm. J Biomed Mater Res 2000; 50: 160-70.

(17.) Owusu-Ababio G, Rogers JA, Morck DW, Olson ME. L’efficacia di microsfere rilascio ciprofloxacina sostenuta contro Pseudomonas aeruginosa infezione biofilm dispositivo associato a un modello peritoneale coniglio. J Med Microbiol 1995; 43: 368-76.

Dal Dipartimento di otorinolaringoiatria – Chirurgia Cervico Facciale, University of Iowa Hospital e cliniche, Iowa City.

le richieste di ristampa: Jose M. Manaligod, MD, assistente professore del Dipartimento di otorinolaringoiatria – Chirurgia Cervico Facciale, University of Iowa Hospital e cliniche, 200 Hawkins Dr. Iowa City, IA 52242. Telefono: (319) 353-5837; fax: (319) 356-4547; e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Related posts

  • Cura del paziente cannula tracheostomica

    Tappatura forze al paziente di respirare completamente intorno al tubo e la cuffia sgonfia (se presente). Le pieghe della cuffia sgonfia sulla cannula tracheostomica standard di fornire una grande quantità di massa ….

  • Gestione delle vie aeree, cannula tracheostomica silicone.

    Per la qualità della vita ai pazienti meritano. Boston Medical Products offre molte soluzioni per la gestione delle vie aeree, compresi i tubi per tracheostomia, pulsanti stomia, valvola di parlare, e un completo …

  • Cura del paziente cannula tracheostomica

    Dean R Hess. PhD RRT FAARC ⇑ respiratoria servizio assistenza, il Massachusetts General Hospital, Boston, Massachusetts. Dipartimento di Anestesia, Harvard Medical School, Boston, Massachusetts. Neila P …

  • Nozioni di base L’aspirazione, l’aspirazione cannula tracheostomica.

    Quando i pazienti sono in grado di mobilitare le loro secrezioni, potrebbe essere necessario aspirare eventuali secrezioni della orofaringe e / o della trachea per mantenere una pervietà delle vie aeree. I pazienti possono non essere in grado di cancellare …

  • Bloccato Tuba di Falloppio, ciò che provoca il fluido in tube di Falloppio.

    Un paio di piccoli condotti chiamato tube di Falloppio catturare e condurre ovuli umani da ovaie di una donna per il suo utero. Una tuba di Falloppio collega ciascuna delle due ovaie all’utero. In umana …

  • Bivona TTS neonatali Trach Tubi, Bivona cura tracheostomia.

    Dettagli come la tubi Trach Bivona adulti TTS. il tubo neonatale TTS, mentre completamente sgonfio, aggiunge alcuna dimensione distinguibile al diametro esterno dell’albero della valvola, ma può essere …

Related posts