Infezione acuta (primaria) da HIV, l’HIV sintomi primari.

Infezione acuta (primaria) da HIV, l'HIV sintomi primari.

Figura 1 – Le manifestazioni cliniche della infezione acuta da HIV

La figura rappresenta la frequenza dei segni e dei sintomi tra le 160 persone con diagnosi di infezione acuta da HIV.

Fonte: Vanhems P, Hughes J, Collier AC, et al. Confronto di caratteristiche cliniche, CD4 e CD8 risposte tra i pazienti con acuta da HIV-1 da Ginevra, Seattle e Sydney. AIDS. 2000; 14: 375-81.

Figura 2 – eruzione cutanea associata a acuta da HIV

Questa fotografia mostra un rash maculare non pruriginoso in un paziente di recente infezione da HIV. Il paziente aveva numerosi piatta, non scottare, macule eritematose.

Figura 3 – Manifestazioni cliniche dei pazienti con sintomi compatibili con infezione acuta da HIV: Confronto tra quelli con e senza acuta da HIV

Questo grafico mostra i segni e sintomi clinici tra i 40 pazienti con infezione acuta da HIV rispetto ai 164 pazienti che non hanno avuto l’infezione acuta da HIV, ma sono stati sospettati di avere l’infezione acuta da HIV.

Fonte: Daar ES, Little S, Pitt J, et al. La diagnosi di primaria da HIV-1. Infezione contea di Los Angeles primaria da HIV reclutamento di rete. Ann Intern Med. 2001; 134: 25-9.

Figura 4 – Modello di precoce di infezione da HIV transmucosale

Fonte: Kahn JO, Walker BD. Acuta di tipo virus dell’immunodeficienza umana 1 infezione. N Engl J Med. 1998; 339: 33-9. Riprodotto con il permesso della Massachusetts Medical Society. Tutti i diritti riservati.

Figura 5 – risposta immunitaria all’infezione da HIV acuta

La risposta iniziale CD8 citotossici linfociti T (CTL) è correlata con la successiva progressione della malattia da HIV. I pazienti con forti risposte CD8 citotossici linfociti T sono tipicamente un set point più basso e una progressione più ritardato della loro malattia da HIV.

Fonte: questa figura è modificata da Walker BD, Goulder PJ. AIDS. Fuga dal sistema immunitario. Natura. 2000; 407: 313-4. Riprodotto con il permesso dalla Natura. Copyright 2000 Natura.

Figura 6 – Andamento temporale di HIV anticorpo e HIV RNA test nei pazienti con infezione acuta da HIV

Questo grafico schematico mostra che i livelli di HIV RNA precedono un test positivo degli anticorpi HIV. Nelle prime settimane dopo l’infezione da HIV, il paziente è spesso in un "periodo finestra" (Livello di HIV RNA positivo e anticorpi HIV negativo)

Figura 7 – Andamento temporale di HIV studi di laboratorio seguito da HIV Acquistion

Questo grafico schematico mostra la tempistica dei livelli di HIV RNA, HIV p24 e anticorpi HIV a seguito dell’acquisizione da HIV.

Contesto e clinici Manifestazioni

Negli Stati Uniti, circa 50.000 persone sono state contagiate dall’HIV ogni anno e circa il 40 al 90% di questi individui avranno una malattia sintomatica acuta che di solito ha la sua insorgenza entro 28 giorni dal momento dell’infezione da HIV. [1, 2] I pazienti con acuta sintomatica (primario) l’infezione da HIV caratteristicamente sviluppare una malattia simile alla mononucleosi con più, non specifici sintomi sistemici, compresa la febbre, letargia, mialgie, eruzioni cutanee, linfoadenopatia, e mal di testa (Figura 1). [1, 2, 3, 4] Quando eruzione cutanea è presente, di solito appare come un morbilliforme o rash maculopapulare, più prominente centrale di perifericamente (Figura 2). manifestazioni meno comuni includono meningoencefalite acuta, [5] paralisi facciale, di Guillain-Barré, ulcere orali, ulcere genitali, e splenomegalia. Anche se alcune delle manifestazioni cliniche comuni può suggerire una diagnosi di HIV acuta, le caratteristiche generali della malattia clinica associate all’infezione da HIV acuta non sono altamente sensibili o specifici (Figura 3). [4, 6, 7] Nel complesso, la maggior parte dei casi di infezione acuta da HIV vanno diagnosticate o mal diagnosticati, [2] soprattutto se non si ottiene la storia della recente esposizione al virus HIV. La durata della sindrome retrovirale acuta è di solito 3 a 14 giorni. [2] Diversi gruppi di ricercatori hanno dimostrato che i pazienti che sviluppano sintomi più gravi e prolungati possono avere una più rapida progressione della malattia da HIV. [8, 9, 10]

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale dei pazienti che si presentano con acuta da HIV comprende la mononucleosi, sifilide secondaria, infezione da citomegalovirus acuta, toxoplasmosi acuta, infezione da virus dell’epatite B acuta, e l’infezione da enterovirus. Raramente, le persone con infezione acuta da HIV possono avere un netto calo nella loro conta delle cellule CD4 e sviluppare un’infezione opportunistica, come ad esempio la candidosi orale o Pneumocystis polmonite. [2] studi di laboratorio di routine presi da persone con infezione acuta da HIV può mostrare leucopenia, trombocitopenia, e gli aumenti dei livelli delle transaminasi epatiche. linfociti atipici non sono generalmente visti.

immunopatogenesi

Laboratorio di Diagnosi

I pazienti che si presentano con sintomi iniziali di infezione acuta da HIV in genere hanno un alto livello di HIV RNA e un test negativo degli anticorpi HIV (Figura 6). [1, 4] La diagnosi di laboratorio definitiva di acuta da HIV richiede un negativo (o indeterminato) dosaggio degli anticorpi HIV, più o un alto livello di HIV RNA o un test dell’antigene p24 positivo. In uno studio che ha coinvolto 436 pazienti con sintomi compatibili con la sindrome retrovirale acuta, il test p24 hanno mostrato una sensibilità del 89% e una specificità del 100% mentre la RNA test HIV aveva una sensibilità del 100% e una specificità del 97%. [4] La maggiore sensibilità del test HIV RNA rispetto al dosaggio dell’antigene p24 prevalentemente verifica perché il test HIV RNA rileva HIV 3 a 7 giorni prima del test p24 (Figura 7). [1, 4, 23] I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomanda ora l’uso di un test antigene-anticorpo p24 4 ° generazione, come il test di screening generale HIV, preferibilmente al posto del test degli anticorpi 3a generazione convenzionale. [24] Con il test immuno-enzimatico 3 ° generazione, la maggior parte dei pazienti hanno un periodo finestra (positivi HIV RNA e anticorpi HIV negativo) di circa 3 o 4 settimane. [23] Un test HIV EIA meno sensibile modificato, il cosiddetto "depotenziato" saggio, in grado di differenziare le persone con infezione da HIV recente (acquisita HIV nei precedenti 4 a 5 mesi) da quelli con infezione da HIV cronica consolidata; [25] questo test può essere utile per individuare quelli con infezione recente che hanno già passato attraverso il periodo finestra. Un gruppo di ricercatori ha generato un modello che divide acuta HIV in 6 stadi basati sui tempi di test diagnostici (Figura 8). [23] La formazione di anticorpi caratteristica può essere modificata nei pazienti con infezione acuta da HIV che ricevono la terapia antiretrovirale (e hanno soppressione virologica durevoli); In questo scenario, i pazienti possono avere evoluzione incompleta della risposta anticorpale e raramente mostrerà una sieroconversione completa o parziale. [26, 27, 28]

Trattamento

L’inizio della terapia antiretrovirale nelle persone recentemente infettati con infezione da HIV rimane molto controversa. Questo argomento, così come test di resistenza per le persone affette da HIV di recente sono discussi in dettaglio nel caso terapia antiretrovirale per l’acuta (primaria) da HIV.

Related posts

Related posts